MEDICINA DEI SISTEMI: IL FUTURO DELLA SALUTE IN UN SIMPOSIO ALL’UNIVERSITÀ STATALE DI MILANO

Approfondimenti su prevenzione e terapie del futuro.Il panorama della medicina avanza verso un futuro sempre più integrato e personalizzato, abbracciando nuove prospettive e tecnologie.

Con il sostegno di Guna, azienda leader nel settore della medicina low dose, si terrà il III° Symposium sulla Medicina dei Sistemi presso l’Università Statale di Milano.

L’evento, in programma il prossimo 18 maggio a partire dalle 9.30, che sarà possibile seguire anche in diretta streaming (guna.com/it/eventi/symposium-medicina-dei-sistemi-3), vedrà la partecipazione di diciotto illustri professori italiani ed internazionali, che approfondiranno temi cruciali legati alla prevenzione ed alle terapie del futuro nel bambino e nell’adulto.

“I contributi dei nostri illustri ospiti saranno il timone che ci consentirà di definire lo stato dell’arte in ambito di prevenzione e di terapie del futuro, sia nel bambino che nell’adulto” – afferma Alessandro Pizzoccaro, presidente e fondatore di Guna -.

“La Medicina dei Sistemi, fondata sui progressi e soprattutto sulle evidenze della ricerca medico-scientifica più accreditata, si assume il compito di superare l’interpretazione riduzionistica della fisiopatologia umana, cioè del paziente come insieme di elementi (apparati, sistemi e organi) indipendenti. Questa prospettiva ha rappresentato il paradigma guida e ha caratterizzato i successi della Medicina del XX secolo, indirizzando l’approccio clinico al paziente e lo sviluppo di nuovi farmaci.

Oggi però gli scenari sono cambiati e sono in continua evoluzione: il mondo medico sente la necessità di avere una visione della persona e del malato come unità psico-neuro-endocrino-immunologica e la Medicina dei Sistemi, ormai giunta a piena maturità, dev’essere tra i pilastri di una moderna Sanità universale, solida, equa e soprattutto umana”.

Ed è proprio al futuro che guarda il terzo Symposium sulla Medicina dei Sistemi.

Lo sviluppo delle nuove tecnologie applicate in ambito medico, prima fra tutte l’Intelligenza Artificiale, consentirà una maggiore personalizzazione della medicina e precisione nella fase di diagnosi”.

“L’avanzare dell’in silico rischia di creare un clima «robotico» e freddo intorno al paziente, specialmente il più fragile come il bambino e l’anziano.

È in questo contesto che la Medicina dei Sistemi potrà recitare un ruolo primario e di vero trait d’union per far sì che tanto la fase diagnostica quanto quella terapeutica mantengano la loro catrica d’interazione umana.

Durante il Simposio si affronterà in profondità il tema della necessità di utilizzare nuove terapie che permettano un approccio complesso e integrato al paziente, in cui gli interventi farmacologici, non farmacologici e la Medicina Complementare s’intersechino e agiscano sinergicamente”.

LO SCENARIO ATTUALE E LE PROSPETTIVE FUTURE

L’incontro si propone di esplorare un approccio predittivo e preventivo alla salute, nell’ottica della Medicina dei Sistemi, che considera l’uomo come insieme complesso di mente, corpo, spirito ed emozioni.

Tra gli argomenti che verranno approfonditi spiccano l’interazione tra inquinamento ambientale e terapia ormonale, il ruolo dei neuroni specchio nell’intersoggettività, la possibilità di ringiovanimento cardiaco, e l’influenza della temperatura ambientale sulle performance cognitive.

Il Symposium sarà anche l’occasione per discutere il futuro dell’intelligenza artificiale e della tecnologia robotica in chirurgia, con un’attenzione particolare alla necessità di mantenere un approccio umano e interattivo nella pratica medica.

LA MEDICINA DEI SISTEMI: UN PARADIGMA IN EVOLUZIONE

Il concetto di Medicina dei Sistemi, giunto a piena maturità, si propone come uno dei pilastri di una moderna Sanità universale, equa e umana.

Fondata sulle evidenze della ricerca medico-scientifica, questa prospettiva supera l’interpretazione riduzionistica della fisiopatologia umana, considerando il paziente come un’unità psico-neuro-endocrino-immunologica.

Il Symposium sarà quindi un’opportunità per riunire esperti provenienti da diverse discipline e discutere la necessità di un approccio integrato e personalizzato alla cura del paziente.

IL FUTURO DELLA MEDICINA E LE SFIDE DA SUPERARE

Lo sviluppo delle nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale, promette una maggiore personalizzazione e precisione nella diagnosi e nella terapia.

È, tuttavia, fondamentale mantenere l’interazione umana al centro della pratica medica, specialmente nei confronti dei pazienti più vulnerabili.

Durante il Symposium si afhfronterà la sfida di integrare terapie farmacologiche e non farmacologiche, oltre alla medicina complementare, per garantire un approccio complesso e sinergico al benessere del paziente.

Il III° Symposium sulla Medicina dei Sistemi si configura dunque come un momento cruciale per riflettere sulle sfide e le opportunità che il futuro della medicina presenta.

Grazie alla partecipazione di esperti di fama internazionale, sarà possibile delineare nuove prospettive e strategie per una sanità sempre più integrata, personalizzata ed empatica.

Fonte:

Symposium: Medicina dei Sistemi

Mirella Madeo

Giornalista pubblicista ed Avvocato, disabile. Ho 50 anni e vivo a Ravenna.

Ultimi articoli